Carne, pesce, uova e legumi: cosa hanno in comune?

Carne, pesce, uova e legumi

sono alimenti molto diversi tra di loro, provenienti i primi tre dal mondo animale, gli ultimi da quello vegetale. Tuttavia, spesso ne sentiamo parlare insieme, perché? Possiamo dire prima di tutto che questi appartengono ad uno dei 5 gruppi alimentari in cui vengono comunemente suddivisi gli alimenti sulla base della loro composizione. Gli altri sono:
  • latte e derivati;
  • cereali, tuberi e derivati;
  • grassi di condimento e olii vegetali;
  • frutta e verdura.

Cosa caratterizza questo importante gruppo alimentare?

Questo gruppo di alimenti ha come principale caratteristica quella di fornire importanti minerali e vitamine, ma soprattutto proteine di elevato valore biologico.

Le proteine sono nutrienti fondamentali per il nostro organismo per il loro ruolo strutturale, enzimatico, di trasporto, deposito e non solo. Sono costituite da “mattoncini”, cioè gli aminoacidi, che si combinano tra loro per formare le diverse proteine presenti in natura.

Si conoscono 20 aminoacidi ed 8 di questi sono definiti “essenziali”, cioè possono essere assunti dall’uomo solo con l’alimentazione perché non vengono prodotti autonomamente dal nostro organismo.

La presenza nella nostra dieta quotidiana di tutti gli aminoacidi essenziali in quantità adeguate è quindi un requisito fondamentale per assicurare il mantenimento e la crescita della massa corporea: se manca anche un solo amminoacido, la sintesi proteica si arresta.

Ne consegue che la “qualità delle proteine” è strettamente correlata alla varietà di aminoacidi presenti (soprattutto quelli definiti “essenziali”), per cui si possono distinguere:

  • le proteine di origine animale, con un maggiore valore biologico perché contengono una varietà di aminoacidi paragonabile a quella presente nel corpo umano;
  • le proteine di origine vegetale, che hanno un buon valore biologico, ma in alcuni casi possono essere carenti di uno o più aminoacidi essenziali.

Attraverso una corretta e variata alimentazione si possono quindi introdurre proteine di qualità sia da fonti animali quali carne, pollame, pesce, uova, sia da fonti vegetali, come i legumi. Anche il latte ed i suoi derivati, così come la frutta secca, contengono proteine di buona qualità, ma per le loro caratteristiche nutrizionali appartengono a categorie alimentari differenti.

Scopriamo qualcosa in più su questi alimenti.

La carne rossa e bianca

Carne è un termine generico con il quale si intende l’insieme di vari tessuti ed organi dell’animale macellato, in particolare tessuto muscolare, connettivo e adiposo e si distingue in carne rossa o bianca a seconda del maggiore o minore contenuto di una proteina (la mioglobina) responsabile della colorazione rossa.

Le carni bianche (bovine giovani, avicole, suine) sono da preferire a quelle rosse perché più “magre”, cioè con un contenuto minore di grassi; nonostante ciò, entrambe contengono proteine di elevato valore biologico.

La carne rappresenta inoltre una fonte preziosa di vitamine e minerali, in particolare vitamina B12, zinco, selenio e ferro altamente biodisponibile, ossia facilmente assorbibile e utilizzabile dall’organismo.

Il pesce

Il pesce è la fonte principale nella nostra dieta di acidi grassi omega-3, oltre che di vitamine del gruppo B e vitamina D, e minerali come iodio, selenio e fluoro. Il pesce azzurro (sarde, alici, sgombro, ecc.) ed il salmone sono da preferire per il maggiore contenuto di omega-3, utili per il benessere cardiovascolare.

Le uova

Questo alimento offre proteine di eccellente qualità, vitamine e minerali fondamentali per il nostro organismo: basti pensare che l’uovo è in realtà una grossa cellula, che contiene in sé tutti i nutrienti necessari per lo sviluppo del nascituro, una volta fecondato. Il suo elevato valore nutrizionale è correlato al contenuto in vitamina D (è una delle poche fonti nella nostra dieta) e all’elevato valore biologico della sua componente proteica, particolarmente ricca in aminoacidi essenziali.

I legumi

Fagioli, ceci, piselli, lenticchie ecc. forniscono proteine di buona qualità biologica, anche se talvolta carenti di alcuni aminoacidi essenziali. Contengono inoltre carboidrati complessi, grassi insaturi e sono ricchi in fibra alimentare, oltre che di minerali come fosforo e calcio e vitamine del gruppo B (B1, B2, niacina).

Effetti sul nostro organismo

Quando mangiamo, ogni singolo alimento, a seconda della sua composizione, esercita effetti diversi sul nostro organismo ed è sulla base di questi che possiamo distinguere quali cibi preferire per un’alimentazione salutare.

Come anticipato, nell’ambito di questo gruppo le carni magre (siano esse bovine, avicole o suine) le uova ed il pesce sono da preferire agli altri alimenti, in virtù del loro contenuto proteico di elevato valore biologico. Anche i legumi secchi (fagioli, ceci, piselli, lenticchie, soia…) forniscono proteine di buona qualità, al contrario è meglio assumere le carni rosse ed i salumi in quantità moderate a causa dell’elevato contenuto di grassi e per i salumi anche di conservanti.

Le proteine che derivano dall’ingestione di questi alimenti vengono digerite dal nostro organismo nei diversi aminoacidi, che una volta assorbiti vengono trasportati ed utilizzati in tutto l’organismo. In particolare, fegato e reni sono molto attivi nel metabolismo proteico e per questo motivo il consumo in eccesso di proteine deve essere evitato anche per limitare l’affaticamento di questi organi.

Gli aminoacidi, così come i carboidrati, una volta nel circolo sanguigno determinano la produzione di insulina da parte del pancreas, che stimola il trasporto degli aminoacidi nel muscolo e la sintesi proteica.

Il rilascio di insulina provocato dagli aminoacidi è però inferiore rispetto a quello innescato dai carboidrati.

Infine carne, pesce, uova e legumi, consumati come tali, sono da considerare alimenti a basso o moderato indice glicemico proprio in virtù della loro composizione principalmente proteica, per cui possono essere assunti con una certa frequenza.

È consigliabile mangiare 1-2 porzioni al giorno di questi alimenti ma, per quanto riguarda le uova, un consumo accettabile è quello di 2-3 alla settimana.

Vuoi saperne di più?

​Puoi approfondire questo e molti altri argomenti guardando le video pillole del Dottor Rossi e scaricando la guida “Conosci il tuo corpo, Scegli il tuo cibo nell’area riservata.

VAI ALLA PAGINA

Ottieni subito la tua copia gratuita della Guida Alimentare
un valido strumento per capire come i pasti modificano il tuo corpo

Ancora fame dopo cena o è più voglia di qualcosa di dolce?

Ti è mai capitato di aver fame poco dopo aver finito di mangiare? O magari di non saper rinunciare a quello sfizioso dolcetto dopo cena?

Spesso non riusciamo a comprendere il perché di quella voglia irrefrenabile di dolce o di quegli attacchi di fame che ci assalgono dopo cena, magari quando ci risvegliamo dal sonnellino sul divano. Cosa ci fa tornare ad aprire il frigorifero e ci invita al gustoso spuntino di mezzanotte?

Quella sensazione fastidiosa di fame può non essere semplicemente fame nervosa: possiamo pensare che sia un comportamento, un’abitudine, ma molto più probabilmente è tutta colpa della glicemia.

Il viaggio del cibo

Per comprendere cosa si nasconda dietro al desiderio irrefrenabile di mangiare, dobbiamo innanzitutto capire il viaggio che il cibo fa nel nostro organismo.

Quando mangiamo, il cibo arriva nello stomaco prima e nell’intestino poi, per essere digerito nei suoi vari nutrienti: tra questi, il glucosio viene assorbito per primo e passa nel sangue, facendo aumentare la nostra glicemia e innescando la produzione dell’insulina da parte del pancreas.

L’insulina, l’ “ormone del dopo pasto”, entra così in azione e facilita l’ingresso del glucosio nelle cellule, in particolare in quelle del cervello, del fegato e del muscolo: la glicemia scende drasticamente, tanto più se l’iniziale picco glicemico è stato elevato ed ha provocato un importante rilascio di insulina.  

Perché abbiamo fame?

Le variazioni dei livelli di glucosio nel sangue determinano la comparsa del senso di fame: quando la glicemia scende al di sotto della soglia di normalità, si ha fame.

Pasti che aumentano eccessivamente la glicemia innescano una risposta massiva dell’insulina, l’ormone che facilita l’assorbimento del glucosio dal sangue alle cellule, anche se si è appena finito un pasto abbondante.

Abbiamo quindi chiarito che la glicemia è il vero ago della bilancia.

Più mangi e più mangeresti? Per evitare di avere sempre fame o per ridurre quella voglia di dolce che ci assale dopo cena, dobbiamo evitare sin dal pasto principale alimenti che portino la glicemia a livelli eccessivi, per limitare così i successivi bruschi cali provocati dall’intensa risposta insulinica che sono alla base della frequente sensazione di fame.

Guardando quindi il grafico sopra, la nostra glicemia deve avere un andamento simile a quello della curva verde: immaginiamo che i picchi glicemici siano delle montagne, per avere un controllo ottimale della glicemia attraverso la scelta degli alimenti dobbiamo riuscire a raggiungere le colline (della normale glicemia) che determinano la comparsa della fame.

In conclusione, dobbiamo evitare che la nostra glicemia si comporti come quella curva rossa così bene evidenziata dal grafico.

Uno spuntino per contrastare la fame

La fame non si combatte mangiando di continuo, anzi: coloro che mangiano spesso hanno sempre più fame. La fame si combatte mangiando bene ad ogni pasto, cercando di controllare i picchi glicemici attraverso un’alimentazione consapevole.

In caso di fame improvvisa, per esempio, può essere utile fare degli spuntini vegetali. Il gusto dolce della frutta ed i vari sapori degli ortaggi, meglio se esaltati dalle spezie, stimolano i recettori della bocca e favoriscono la comparsa della sensazione di sazietà.

Allo stesso modo, se si desidera un dolcetto dopo cena, si può sostituire con una bevanda calda, che stimola la motilità intestinale, e con un po’ di frutta secca da masticare per bene e lentamente: la masticazione prolungata di per sé aiuta ad innescare la sensazione di sazietà, aiutando a dimenticare la voglia di dolce.

Vuoi saperne di più?

Puoi approfondire questo e molti altri argomenti guardando le video pillole del Dottor Rossi e scaricando la guida “Conosci il tuo corpo, Scegli il tuo cibo nell’area riservata.

VAI ALLA PAGINA

Guarda le video-risposte del Dottor Pier Luigi Rossi
alle domande più frequenti ricevute durante i seminari!

Grande successo di pubblico per i seminari del metodo ACPG

Aboca investe sulla salute delle persone, e la risposta del pubblico non si fa attendere

Grande successo per i seminari online sul metodo ACPG del dottor Pier Luigi Rossi

Il tema de ‘la salute a tavola’ è ai primissimi posti nel ranking degli interessi degli italiani.

Questo è quanto emerge dai primi dati disponibili relativi alla partecipazione e al coinvolgimento degli utenti ai seminari online curati dal dottor Pier Luigi Rossi sul sito https://metodoacpg.it/.

L’interesse dimostrato è tanto che fin dall’ultimo seminario, e per i prossimi due seminari in calendario (quelli del 16 maggio e del 25 giugno dalle 13.00 alle 14.00), è stato previsto un secondo appuntamento in fascia serale, dalle 21.00 alle 22.00.

Tanti..ma quanti?

I dati mostrano ben:

  • 24.000 iscrizioni ai primi quattro seminari sul tema ‘alimentazione consapevole del picco glicemico’ (metodo ACPG), e
  • 170.000 utenti unici sul sito dedicato al metodo ACPG!

A testimonianza che nonostante le difficoltà derivanti da un ambiente che spesso propone stili di vita poco sani, la tendenza delle persone a ricercare un maggior controllo sulla propria vita – soprattutto in ambiti come quello della salute – è un processo sociale inarrestabile e potente.

 

L’impegno di Aboca nella salute alimentare

L’impegno di Aboca declinato sul fronte dell’alimentazione, in linea con la propria vocazione aziendale tesa alla ricerca del Bene Comune, è quello di prendersi cura della salute alimentare delle persone diffondendo cultura e consapevolezza sulla scelta degli alimenti e promuovendo la salute metabolica di tutti gli individui.

Per rispondere a questa esigenza è nato il progetto del metodo ACPG (Alimentazione Consapevole del Picco Glicemico) con il dottor Pier Luigi Rossi, medico specialista in Scienza dell’Alimentazione.

Cos’è il metodo ACPG?

Il progetto prevede una serie di seminari in cui il dottor Pier Luigi Rossi spiega come il cibo incida sul profilo metabolico e ormonale dell’organismo, e l’importanza di contenere le oscillazioni del picco glicemico postprandiale per costruire un percorso di alimentazione sana ad personam.

L’iniziativa è in rete e con modalità di accesso gratuita, per essere accessibile al più ampio pubblico possibile. Partita il 4 marzo scorso proseguirà fino al 25 giugno 2019.

Il tutto corredato dalla spiegazione di precise tabelle alimentari, excursus su modelli nutritivi, scenari attuali e futuri e innumerevoli pillole scientifiche (accedi all’area riservata per avere accesso ai materiali gratuiti).

I partecipanti hanno la possibilità di fare domande direttamente al Dott. Pier Luigi Rossi e di ricevere una risposta; la maggior parte delle domande che, per ragioni di tempo, non ricevono risposta durante il seminario, sono poi oggetto di approfondimento in video pillole dedicate (presenti anch’esse nell’area riservata del sito).

Il metodo ACPG funziona?

Ad oggi sono già numerose le persone che hanno voluto lasciare una testimonianza personale dei benefici avuti seguendo il metodo ACPG, e le loro storie sono leggibili nella sezione testimonianze del metodo ACPG.

Il comune denominatore di tutte le esperienze vissute è quello di aver guadagnato un senso di benessere diffuso.

Ricordiamo, in tal senso, la valenza di questa iniziativa anche dal punto di vista della sanità pubblica.

Perché scegliere di iniziare a mangiare in maniera sana e consapevole?

In Italia ci sono

  • 22 milioni di persone in sovrappeso
  • 6 milioni di obesi

 e questo si traduce in un costo annuo di 22,8 miliardi di euro che gravano sulla spesa pubblica.

Obesità e malattie non trasmissibili minacciano i sistemi sanitari italiani e mondiali sia in termini di salute che di spesa pubblica, spesa che diverrà insostenibile se non verranno adottate politiche di prevenzione adeguate e correlate a programmi di gestione di altre malattie come diabete, ipertensione, dislipidemia, malattie cardio e cerebrovascolari, tumori e disabilità.

Nonostante tutte le campagne di sensibilizzazione il fenomeno non accenna a diminuire.

È proprio in questo contesto che il progetto del metodo ACPG, concepito per la diffusione della consapevolezza alimentare, si integra con la filosofia generale dell’azienda da sempre impegnata nel promuovere benessere a favore dell’Uomo e della Società tendendo verso una Crescita Qualitativa.

Inizia oggi il tuo percorso verso la salute

I prossimi appuntamenti dei seminari online saranno:

Il dottor Pier Luigi Rossi anche in tour live!

Il dottor Rossi, oltre a essere presente in rete, è anche protagonista del tour in giro per l’Italia

“La buona salute. Intestino, alimentazione consapevole e biochimica della gioia”.

RIVEDI I SEMINARI

online e gratuiti

REGISTRATI

all'area riservata

GUARDA I SEMINARI